post

Ciò che avevo lasciato per strada

Gli ultimi mesi sono stati solcati da diverse cose, molte delle quali piuttosto importanti per me. Ho accantonato involontariamente il blog, colpa del poco tempo a disposizione per scrivere adeguatamente i miei pensieri e dell’incapacità di sorprendermi ancora di ciò che mi circonda. Mi è capitato di rileggere i miei primi post, quelli che ho scritto quando vivevo a Berlino, e mi sono sorpreso della mia capacità di osservare le situazioni, i dettagli, le sfumature. Credo fossi alla disperata ricerca di una modalità alternativa di comprensione della realtà, considerando le difficoltà iniziali nel comunicare con una nuova lingua. Ora seguo il corso degli eventi con una disarmante accettazione del reale, senza la presunzione di cambiare le cose, solo con la volontà di trovare un mio personalissimo equilibrio. La cosa interessante di avere un diario di bordo, un blog, o un semplice taccuino su cui annotarsi i pensieri, è che prendi drasticamente atto del tempo e delle sue affascinanti evoluzioni. Spesso tendiamo a nascondere a noi stessi le nostre insicurezze, gli sbagli, le difficoltà che abbiamo vissuto una volta trovata una approssimativa e momentanea stabilità. Rileggere i nostri vecchi pensieri è come accettare la natura inafferrabile delle cose e l’incoerenza intrinseca nella natura umana. Ricordo le interminabili chiacchierate nei fumosi cafè di Berlino con Silvia ed Elisabetta, che come me erano migrate altrove, per cercare un posto migliore nel quale vivere. Parlavamo di noi, della nostra disperata ricerca di un posto fisico e mentale nel quale essere felici. Ora le nostre strade si sono separate, ma credo che ognuno di noi, a suo modo, persegua la propria instancabile ricerca individuale.

Sono successe molte cose, scrivevo, perciò cercherò di raggrupparle grossolanamente cercando di essere il più accurato possibile.

Inizierei dai live, che nelle ultime settimane mi hanno portato a suonare in molti luoghi, facendomi conoscere ottime realtà e splendide persone con le quali condividere momenti. Ho suonato al Robot Festival e al Club 2 Club, due tra i più prestigiosi palchi d’Italia. Sono volato in Sardegna dove la mia musica è stata accolta con un inaspettato calore; ho portato i miei suoni a Berlino, Roma, Milano, Firenze e Torino (solo per citare gli ultimi). Ho addirittura suonato i miei dischi al concerto dei Fat Freddy’s Drop tra i loro complimenti, senza dubbio uno dei punti più emozionanti della mia piccola carriera.

Per quel che riguarda le produzioni, negli ultimi mesi mi sono chiuso in studio a registrare nuovi brani che vedranno la luce tra pochissimo. Ho inoltre realizzato alcuni remix e collaborazioni dei quali trovate una piccola selezione qui:

questo brano, intitolato ‘Ejaculattitude’ e prodotto in collaborazione con gli Apes on Tapes, anticipa l’usita del loro nuovo disco ‘Pitagora’s Bitch':

Qui invece ho remixato ‘Youth’ dei Platonik Dive. Il brano in questione è raccolto nella versione remix del loro album ‘Therapeutic Portrait’. Potete ascoltarlo qui.

Per concludere vi segnalo questo re-work de ‘La Strage di S.Valentino’ che ho realizzato per l’amico cantautore Giuseppe Righini che ha raccolto questo, insieme ad altri remix, nell’album ‘Enciclopedia Completa di uno Sconosciuto’

Per gli amici di DLSO ho realizzato un mixtape natalizio per la rubrica ‘Mixati per le feste’. In questo mix, che ho realizzato con i miei vinili, ho esplorato territori legati al dancefroor in alcune delle sfumature che reputo più interessanti. Dentro c’è molto groove, tribalismo e melodia. Inoltre c’è anche un mio inedito intitolato Chrystalline:

GODBLESSCOMPUTERS x DLSO.IT by Dance Like Shaquille O'Neal on Mixcloud

Credo di non aver scordato nulla, ma se l’ho fatto, vedrò di recuperare.

Intervista su Soundwall

L’intervista enciclopedica, è così che mi piace definirla. L’intento è quello di ripercorrere il percorso e la carriera, fino ad ora, di Lorenzo Nada aka Godblesscomputers, un giovane dj/producer italiano, di base a Bologna. E proprio qui, poche settimane fa, ha avuto una sorta di battesimo di fuoco, credo possa esser definito così, il lancio verso una dimensione nazionale e forse internazionale: il palco del roBOt festival. In molti lo hanno notato per il suo talento e lo stile eclettico, capace di miscelare insieme il meglio di tanti generi diversi per un risultato del tutto particolare e personale. Spero possiate assistere presto ad una delle sue performance, in ogni caso il mio consiglio è: “Let’s all keep an eye on him!”.

Continua..

Freedom is Remixed

E’ uscita da qualche settimana ‘Freedom is Remixed’, una piccola raccolta di brani remixati tratti dal mio precedente Ep ‘Freedom is O.K.’ uscito per la berlinese Equinox Records e di cui credo di aver già ampiamente parlato e scritto e annoiato. In questo caso i brani vengono rivisitati dalle sapienti mani di alcuni amici producer di cui ho molta stima artistica. Si parte con ‘Nowhere’ remixata da 813, giovane producer di Mosca per passare alle bellissime versioni di ‘Green Flowers’ firmate Digi G’Alessio e B-Ju, arrivando a ‘Fire Extinguisher’, rimodellata dal producer tedesco Anthony Drawn, direttore artistico dell’etichetta tedesca Sichtexot, realtà a cavallo tra l’hip hop più classico e le derive più sperimentali. Il tutto è accompagnato dall’inedito ‘Feel Sick’, brano che ho composto e realizzato in esclusiva per questa uscita. Il tutto è stato confezionato in una gustosa release digitale che potete acquistare qui. Di seguito una preview di ciò che vi aspetta:

Meg – Promemoria (Godblesscomputers rmx)

Ho realizzato questo remix per Meg in occasione dell’uscita della collana di re-works degli ultimi suoi due singoli che potete acquistare qui. Il brano che ho rivisitato si chiamo a ‘Promemoria’ ed è stato corredato da un ottimo lavoro di visual curato dai ragazzi di MokoLab.

Buon ascolto e buona visione.

PS: Anche su DLSO hanno scritto due righe a tal proposito.

Baci da Bolo

L’aggiornamento di questo sito è un diventato optional di questi tempi. Proverò quindi a riassumere in un unico post le novità delle ultime settimane. Vi avviso, sarà un post molto social e 2.0

Inizierei parlandovi del remix del brano ‘Shelter’ che ho realizzato per i Tropical Disease. Lo trovate racchiuso nell’omonimo EP uscito qualche giorno fa sul blog DLSO. Qui sotto invece le streming sul mio canale Soundcloud:

Sempre per quanto riguarda le uscite è da pochi giorni online il mio brano ‘Romania’ che anticipa l’imminente uscita della compilation curata dalla berlinese Equinox Records ‘Counter Future vol.3′ in una preziosissima edizione su triplo LP + digitale. Tutte le info le trovate qua.

I volumi 1 e 2 della sopracitata compilation ‘Counter Future’ sono usciti insieme in questi giorni in una bellissima edizione in vinile Picture Disc. Dentro ci trovate un altro mio brano intitolato ‘Chocolate’, qui su Soundcloud in versione ‘anteprima insieme alle altre tracce contenute nel disco. Se volete acquistarlo potete farlo esplorando la pagina dell’etichetta.

E’ uscito invece qualche giorno fa il mio ultimo mix per la collana ‘Random Seed’ curata sempre dall’inarrestabile Equinox Records. Di tratta di 35 minuti di musica mixata esclusivamente da vinili che ho rispolverato dalla mia collezione. Vi consiglierei di ascoltarlo in una giornata di sole bevendo succo di frutta e sculacciando qualche malcapitata. :-)

Una settimana fa è andata in onda l’intervista che ho realizzato per il programma Disco Lovers su Radio Sonora. Si tratta di una divertente chiacchierata di mezz’ora in cui alterniamo racconti legati al mio progetto a brani miei editi ed inediti. Il tutto è stato registrato ed è disponibile sul podcast della puntata #69. Cliccate qua se volete scaricarvelo.

http://www.radiosonora.it/download/12767-3_2013_discolovers_69.mp3

Ultimissima news: il mio brano ‘Boy Toy’, già uscito mesi fa, è stato utilizzato per lo Showreel 2013 di Apparati Effimeri, un incredibile collettivo bolognese attivo nella realizzazione di visual e mapping 3D. Date un’occhiata al video che si spiegherà certo meglio di me!

Per il momento e tutto, potete tirare un sospiro di sollievo e ritornare ai vostri meravigliosi impegni.

Baci da Bolo.

Lost in Downtown (The Beastie Boys re-works)

E’ uscito da pochi giorni il mio nuovo EP ‘Lost in Downtown (The Beastie Boys re-works)’. Come lascia trapelare il titolo, si tratta appunto di una rilettura ad una manciata di brani dei Beastie Boys che ho realizzato in occasione della rassegna cinematografica d’autore ‘Across the movies‘ (storie di musica attraverso il cinema). Quando sono stato invitato a Cesena ad esibirmi dal vivo per un live ispirato al gruppo newyorchese (protagonista del documentario ‘I Fuckin’shot that’), ho iniziato a preparare dei divertenti mash-up, appiccicando le accappelle dei Beastie Boys su alcune mie strumentali. Il risultato era qualcosa di sorprendentemente inedito: le voci dure dei beastie boys, abituate a cavalcare beats dal sapore old school, si sposavano divinamente con le atmosfere morbide delle mie basi almeno secondo il mio gusto. Come ha scritto l’amico dj Toffolomuzik sul blog ‘Frequenze indipendenti‘ si tratta di ‘sette brani, spogliati dal taglio old school e riletti in una nuova chiave dalle atmosfere urbane e downtempo.’

Dunque mi sono detto ‘ma perché non racchiudere questa manciata di pezzi in un disco in free download invece che lasciarli morire sul mio computer?’ Il tutto è impacchettato e confezionato in una elegante versione digitale prodotta da Fresh yO! label di Firenze impreziosita dal bellissimo artwork di Jonathan Calugi (happyloverstown.eu).

Non mi resta che augurarvi buon ascolto!

Rimanendo in tema, mi sono arrivate diverse segnalazioni da parte di amici che hanno visto la puntata di ‘Occupy Deejay’ su Deejay TV dove si parlava del mio nuovo EP ‘Lost in Downtown’. Ho recuperato il link dal canale ufficiale del programma e ve lo riporto di seguito. (Se volete skippare andate direttamente al minuto 04.27):

External links:

Frequenze Indipendenti | RapBurger | Dance Like Shaquille O’Neal | Collettivo HMCF | Urban Waves | Avanth Opperz | Maccheroni Elettronici |

Nowhere

Cerchiamo di fare ordine perchè le cose qui corrono talmente veloci che vale la pena appuntarsele prima che si perdano nel vuoto. Non è ancora il momento per fare dei bilanci definitivi, però posso dire che quest’anno la mia vita è cambiata non poco. Sono ritornato a vivere in Italia, per la precisione a Bologna, dove ho trovato momentaneamente la mia dimensione prima che tutto esploda come al solito. E’ stato senza dubbio un anno importante per me, ho visto il mio progetto crescere piano piano ed avere dei piccoli ma grandi risultati e questo mi rende molto orgoglioso. Durante la settimana sto rintanato nel mio studio a sbucciare mandarini mentre tengo corrispondenze web con amici immaginari e campiono vinili economici. Il weekend riempio le borse di dischi e il computer di files e armato di tanta buona volontà vado a suonare. Niente di meglio. Questo mese in particolare è stato scandito da diversi appuntamenti che di seguito proverò a raccontarvi. O meglio, lascierò che le immagini lo facciano per me.

Iniziamo da questo video realizzato con cura dai ragazzi di Alive Lab che documenta ciò che è successo al Cassero in occasione di Habitat 008, dove ho suonato insieme al grandissimo Lando Kal (monolitico producer di elettronica americano trapiantato a Berlino). C’è una breve intervista in cui illustriamo i nostri progetti e alcuni estratti della serata.

Il venerdì successivo invece ho suonato insieme agli amici Sybiann, Apes on Tapes e Paper Plus Knife per Night Juice, una bellissima serata di musica elettronica organizzata da Fruit, un collettivo di editori indipendenti molto attivi a Bologna. Il resoconto lo trovate in questo breve ma intenso filmato in cui la mia barba, ai massimi storici, disegna strani profili:

Per quel che riguarda le produzioni, ho realizzato in questi giorni un remix per LIFE & LIMB (fuori ora col nuovo omonimo disco), il nuovo progetto del mitico Popuolus, che seguo da anni con grandissimo interesse. In realtà il remix l’avevo realizzato già diversi mesi fa, ma quando mi è stato chiesto di farlo uscire ho preferito rimetterci mano perchè la versione precedente mi suonava preistorica. Direi un classico per chi fa musica. Il risultato lo trovate qui:

Vi lascio infine con la notizia più importante. Vorrei segnalarvi che sul sito della mia nuova label berlinese Equinox Records è disponibile il pre-ordine del mio nuovo disco ‘Freedom in O.K.’ in vinile 10″ e in versione digitale (con i remix di B-Ju e Digi G’Alessio) in uscita il 21 Dicembre. Ne parlerò ancora ampiamente nelle prossime settimane però vi basti sapere che abbiamo deciso di regalarvi in free download ‘Nowhere’, il primo estratto da questo nuovo lavoro. Spero apprezzerete.